Come capire se la tua postura non è corretta

Avere una buona postura è importante per la vita quotidiana!

Se ci pensi per un attimo ti accorgi che  può influire sulla tua salute e ridurre il tuo benessere psico-fisico, può condizionare il tuo modo di camminare, l’equilibrio e il modo in cui ti muovi e ti presenti agli altri. la sensazione di non sentirti a tuo agio influenza negativamente il tuo umore e di conseguenza le tue emozioni. Ti sembra poco!

In molti danno poca importanza alla propria postura fino a quando incominciano i primi sintomi di malessere come mal di schiena, mal di collo…

Quali sono i campanelli d’allarme che ti fanno pensare che la tua postura è sbagliata?

  •  mal di schiena e cervicale;
  •  rigidità muscolare;
  •  strappi muscolari;
  •  tensione e stress;
  •  maggior affaticamento e stanchezza;
  •  ridotta capacità di movimento;
  •  movimenti più goffi e scoordinati;
  •  peggioramento dell’equilibrio;
  •  articolazioni doloranti.

Uno dei problemi più diffusi è la comparsa di dolore nela zona della lordosi lombare, che indebolisce gli addominali, spingendo lo stomaco all’esterno e creando una “concavità” verso l’interno nella parte inferiore della schiena.

Altro problema diffuso è la comparsa di dolore nella zona della lordosi cervicale, dove i muscoli del collo si contraggono e si irrigidiscono, mentre quelli anteriori si allungano e il mento si protende in avanti ( come le tartarughe!), provocando dolorose infiammazioni delle articolazioni cervicali.

Infine c’è una accentuazione della cifosi dorsale, con la comparsa di un’aumentata curvatura e gibbosità della schiena (gobba).

Il metodo Pilates può aiutarti a ritrovare la tua postura corretta e ritornare al tuo benessere mentale e fisico.

Grazie ai numerosi esercizi in diverse posizioni: sdraiato, seduto ed in piedi, diversamente dalla ginnastica posturale e dai gruppi di ginnastica dolce, nel Pilates il movimento è continuo, in modo che ogni esercizio si trasformi naturalmente, evolvendo nella sequenza successiva. Inoltre, rallentare il ritmo ed il numero delle ripetizioni  durante l’esecuzione degli esercizi rende i movimenti più efficaci, anche quelli più difficili da eseguire.

Un esempio può essere il seguente esercizio:

Sdraiati a terra, gambe leggermente divaricate, una gamba piegata con il piede appoggiato al tappetino e l’altra gamba distesa, le braccia distese lungo il corpo. Porta un ginocchio verso la tua pancia, mentre lo fai mantieni la zona lombare incollata al tappetino, poi riappoggia il piede al tappetino, mantenendo la schiena appoggiata al tappetino. Durante l’esercizio espira l’aria dalla bocca quando il ginocchio va verso la pancia e inspira l’aria dal naso quando riappoggi il piede al tappetino. Ripeti con l’altra gamba.

Come senti i tuoi addominali adesso?

Ripeti la sequenza per 5 volte, cambiando gamba ogni volta. Se il mento è troppo alzato indietro e senti il collo in tensione metti un asciugamano arrotolato sotto la testa e sarai subito più comodo e correttamente allineato.

Buon Pilates!

 

Articoli consigliati:

7 consigli per migliorare la postura scorretta

Desideri approfondire questo argomento? scrivimi nel box sotto... e ti rispondo appena posso

8 Comments

  • Oriella

    Reply Reply 5 agosto 2013

    Ciao!
    I ringraziamenti per i suggerimenti ed insegnamenti che metti a disposizione sul sito non sono mai…abbastanza ! Complimenti ! Mi dispiace solo di abitare a Bologna e non poter beneficiare della tua esperienza !
    Ho 53anni ed una scoliosi con doppia curva compensata definita grave ma che sono riuscita, nonostante l’eta’ a controllare con nuoto e ginnastica in acqua…ora la postura scorretta, la presenza di una protusione discale ed un aggravamento della curva dorsale, mi portano a fastidiosi mal di schiena soprattutto nella zona lombare.
    Sono reduce da un blocco lombare e, a distanza di 3 settimane non posso dire di essere in forma ! Sono seguita da una dott.ssa laureata in fisioterapia – terapista manueale che segue il metodo makenzie…ma purtroppo gli esercizi che mi ha prescritto per un mese mi sembrano poco efficaci e non vedo come possano correggere la postura e aiutarmi con la scoliosi.
    Ti chiedo se hai qualche collega da indicarmi che mi possa seguire ed “avviarmi” alla pratica pilates nella zona est di Bologna.
    Ti chiedo inoltre come posso fare per ricevere la tua guida completa pilates . Ho scaricato sia la respirazione che gli esercizi per scoliosi, ma essendo nuova alla “disciplina” dovrei avere un manuale piu’ preciso.
    Grazie per tutte le informazioni che puoi darmi e complimentandomi di nuovo, ti auguro buon lavoro
    oriella

    • Stefania

      Reply Reply 5 agosto 2013

      Ciao Oriella,

      ti ringrazio per i complimenti! La situazione che mi descrivi la vedo frequentemente nei miei pazienti, e devo dirti che, lavorando insieme con Pilates abbiamo ottenuto ottimi risultati, sia per la correzione della postura che per la risoluzione del dolore.
      Ora, gli esercizi McKenzie che stai facendo hanno lo scopo di agire sulla protrusione discale, che immagino sia a ivello lombare, e i risultati di questa tecnica sono immediati, in quanto l’estensione della schiena “spinge” il disco vertebrale per riportarlo al posto corretto, e se ciò avviene il dolore dovrebbe passare istantaneamente. Questa tecnica non corregge la postura e nemmeno la tua scoliosi, non perchè non funziona, ma perchè come ti ho spiegato, non è il suo obiettivo.
      Mi spiace dirti che non conosco un professionista a cui indirizzarti, però, visto che non hai avuto esperienze con Pilates e hai scaricato l’estratto della guida “Pilares 100%” La respirazione, posso chiederti se hai provato gli esercizi e come ti sei trovata? E’ importante per me, perchè se ti sei trovata bene, imparare i principi Pilates è la base indispensabile e fondamentale da cui partire, perchè una volta che hai imparato e fatto tuoi questi semplici ma essenziali pilastri del Pilates, allora potrai iniziare un allenamento Pilates che darà realmente i risultati attesi. In seguito potrai applicare gli allenamenti specifici di “Scoliosi Stop!”, di cui hai già scaricato l’elenco, che sono divisi in 3 allenamenti per correggere la zona lombare, la zona dorsale e ottenere la postura corretta, in questo manuale super pratico ho spiegato in maniera chiara e semplice ogni singolo esercizio. Inoltre in questo periodo, dopo numerose richieste, mi sto dedicando alla reallizzazione di un allenamento Pilates dedicato solo alla Postura, che spero di completare entro settembre.
      Spero di non essermi dilungata troppo e averti annoiata.
      A presto

      Stefania

  • ALICE

    Reply Reply 21 ottobre 2014

    Salve, sono una neo istruttrice di Pilates…come è noto nei corsi per prendere l’attestato ti insegnano ben poco essendo molto brevi. Ma sto studiando come una matta sui libri e ancor di più fare l’istruttrice è diventato un lavoro a tempo pieno, e mi si presentano un sacco di persone con patologie alla colonna. Ad esempio c’è Maria che ha sui 45 anni ed ha 3 ernie cervicali e vorrei un consiglio sui come lavorare con lei. Gli ho fatto mettere un cucscino sotto alla nuca ma vorrei sapere per essere piu sicura quali esercizi può fare e quali non può fare.
    Grazie

    Alice

    • Stefania

      Reply Reply 24 ottobre 2014

      Ciao Alice,

      Per problemi di ernia cervicale, evita gli esercizi che richiedono la flessione del capo, mentre lavori fai mantenere la posizione del collo neutra, e lavora con esercizi che richiedono la posizione neutra del capo o lavorano con la colonna vertebrale in estensione. Se riesci disabitua la signora al cuscino sotto il capo gradualmente durante gli esercizi Pilates, perché non lavori in allungamento assiale, perciò perdi uno dei principi fondamentali del Pilates.

      Calorosi saluti

      Stefania

  • rossella

    Reply Reply 24 luglio 2015

    Gentile Stefania,
    Dopo uno strappo alla zona lombare ho scoperto una discopatia con due protusioni, dopo un mese e mezzo dalla infortunio ho ancora dolore e stanchezza,quali esercizi platea potrei fare per alleviare questi dolori?

    • Stefania

      Reply Reply 26 luglio 2015

      Ciao Rosa,

      L’attività fisica puo’ portare beneficio sia al dolore sia alla tonicita’ muscolare.

      Tra gli esercizi Pilates preferisci quelli che favoriscono l’estensione della schiena ( swimming…) ed evita invece quelli che prediligono la flessione in avanti della schiena ( roll up…).

      Ricordati, durante l’esecuzione di qualsiasi esercizio, di attivare la muscolatura addominale, per proteggere la tua schiena da eventuali infortuni causati da sforzi eccessivi dovuti alla poca esperienza.

      Buon Pilates

      Stefania

  • Stefania

    Reply Reply 12 dicembre 2015

    Salve, ho una figlia di 12 anni molto timida che ha un’evidente “gobba”, tende a stare con le spalle curve in avanti e il collo spostato in avanti.
    Da controlli fatti presso un ortopedico non sono stati rilevati problemi fisici di alcun tipo, ma solo problemi di postura dovuti molto probabilmente al suo carattere introverso. Ha praticato ginnastica correttiva ma non ha avuto benefici.
    Ora sta facendo nuoto ma il problema non accenna a migliorare, forse col Pilates potrebbe andare meglio?
    Grazie per la sua risposta.
    Stefania

    • Stefania

      Reply Reply 14 dicembre 2015

      Salve Stefania,

      Credo che Pilates sia un ottimo metodo per migliorare la postura, lavora rendendo il corpo armonioso ed aggraziato.

      Per quanto riguarda l’atteggiamento in chiusura…riflette l’introversione di tua figlia quasi sicuramente…ma iniziare fin da ora a fare esercizi di allungamento globale porterà un benessere immediato alla postura di tua figlia.

      in “Scoliosi Stop!”, pur essendo dedicato ai vizi dovuti alla scoliosi, puoi trovare allenamenti specifici mirati alla risoluzione della “gobba” e alla correzione della postura.

      Spero di esserti stata d’aiuto

      Buon Pilates

      Stefania

Desideri approfondire questo argomento? scrivimi nel box sotto... e ti rispondo appena posso

* Campo da compilare necessariamente